Presentazione     Statuto       Organigrammi      Contatto   Home
 

Home

Banca Dati

Comunicati Ufficiali

Attualità e Approfondimenti

Fisco

I Settori dello Snami

News Riservate

 

 

PRESENTAZIONE

 

 

PRESENTAZIONE

Il Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani, nasce a Milano il 9 febbraio 1979 alla vigilia del varo della Riforma Sanitaria (883).  

Si fonda sulle sette virtù capitali della professione:

• Scienza
• Coscienza
• Dignità
• Decoro
• Libertà
• Autonomia
• Indipendenza  

Tradotte in pratica significano – tra l’altro – libera scelta del medico e del luogo di cura, responsabilizzazione del medico e del cittadino, adeguata rappresentatività dei medici ad ogni livello di programmazione e di gestione.   Cresce sull’antitesi: medicina di Stato in esclusiva con retribuzioni a stipendio a quota capitaria omnicomprensiva di tutte le mansioni e medicina di Stato integrata con la Medicina privata in sana e leale concorrenza.  

“Il medico non può essere mantenuto esclusivamente dallo Stato” ma ha il diritto-dovere di esercitare anche la libera professione nell’interesse del paziente. All’appiattimento di un servizio impiegatizio e paraimpiegatizio si contrappongono principi liberali di meritocrazia. La polisettorialità è un’altra delle sue principali caratteristiche.  
lo SNAMI rappresenta questi settori:  

• Medici di Medicina Generale di Assistenza Primaria (medici di famiglia)
• Dirigenza medica
  (nei sottosettori, dipendenza in Azienda, sul Territorio, all’Università)
• Continuità Assistenziale (Guardia Medica)
• Emergenza Territoriale (118)
• Medicina dei Servizi (medicina scolastica, etc.)
• Liberi professionisti
• SNAMI Esperienza (Medici Pensionati)  

L’obiettivo è di tutelare la professionalità di tutti i settori con pari dignità normativa ed economica.   Diffuso su tutto il territorio nazionale, firmatario di Contratti, Convenzioni e Accordi nazionali, regionali e aziendali, è presente in 80 province e ha il suo vertice politico a Milano.   Gli associati sono in costante aumento. Numerosi suoi iscritti sono membri dei Consigli Direttivi degli Ordini dei Medici provinciali.